IL TORRONE DELLA LOGGIA DI FORLI': Il torrone ti fa bella!

IL TORRONE DELLA LOGGIA DI FORLI': Il torrone ti fa bella!

L'indagine

Il pranzo di Natale è giunto alla fine, e dopo il panettone, il pandoro, il panforte, il certosino e ogni dolcezza possibile, sulla tavola non dovrebbe mai mancare il torrone, tanto più se è quello artigianale della pasticceria La Loggia, a Forli.

Mai mangiata "una roba" cosi!

Un torrone "antico" la cui lavorazione risale ai primi del secolo, opera del maestro pasticciere Martelli, che proprio qui a Forlì ne avviò la produzione.

Cosa ha di speciale questo torrone? Tutto!

Fra i tanti esposti in bella vista nella pasticceria, ho mangiato una fetta (si, proprio una fetta, non un pezzetto) di questo lussuoso torrone morbido, con mandorle grezze, canditi e cioccolato fondente al 55%.

E' un torrone "sugoso", quando lo mordi si espande in bocca come fosse panna, poi arriva la fragranza eccezionale dei canditi cremosi, che non sono pezzettini invisibili, gli odiati secchi canditi a cubetti microscopici, ma quasi frutti interi!

Il cedro, l'arancia, la ciliegia candita in tutta la loro soave morbidezza, iniziano a danzare con le mandorle grezze, che sono tantissime, non casuali e sporadici incontri sulla via!

Ma la consacrazione a capolavoro, arriva quando già in stato di beatitudine, avviene l'incontro decisivo: onde di cioccolato fondente che scorrono fra le mandorle fragranti e i canditi e ti fanno definitivamente capitolare.

Aggiungete anche il profumo unico di tante bontà messe assieme, e avrete un torrone che è un concentrato di gioia per la gola e per la vista, indispensabile per un Natale perfetto.

Il 13 dicembre, mi dicono, a Forlì si celebra la festa delle belle ragazze; pare che ce ne siamo molte in questa città della Romagna. E non stento a crederlo: quando si mangia questa prelibatezza, si diventa più belle! Io ho anche una ruga in meno, sarà forse per il kiletto che ho messo su torrone dopo torrone?




condividi:

Il verdetto finale

Dove

Pasticceria La Loggia, Corso Giuseppe Garibaldi 125, Forlì

Locale

7

7/10

Estetica

Acquolina in bocca a prima vista

8

8/10

Qualità

9

9/10

La Signora In Dolce

La signora in Dolce

Il dolce è vera arte. Non bastano chili di zucchero a renderlo un capolavoro ma parole come equilibrio, armonia, emozione, bellezza, che il dolce indossa come un abito che gli cade a pennello.
Scenda l’anatema della Signora in Dolce sui venditori di brioches surgelate, di rancide ciambelle fritte, di creme insapori e di tutti i mistificatori e banalizzatori di dolci. Non siete golosi? Beh, nessuno è perfetto, la Signora è sinceramente rattristata per voi. Non sapete cosa vi state perdendo… ma siete ancora in tempo per una piena confessione!